01
Giu

Mix & Match: istruzioni per l’uso

In un precedente articolo vi ho insegnato ad utilizzare la ruota dei colori, strumento fondamentale per imparare ad abbinare correttamente i nostri capi colorati (in particolare, mi ero concentrata sul blu, ma le regole sono le stesse per tutti i colori. Se non ve le ricordate, ecco quahttp://elisagili.com/2020/04/blu-la-guida-per-abbinarlo-correttamente/ ).

Oggi mi concentrerò invece sugli abbinamenti con le fantasie, dandovi un paio di regole generiche e poi dedicandomi ad alcune di esse.

SCEGLIERE LA FANTASIA GIUSTA PER NOI

Esattamente come per i colori, anche le fantasie hanno una “temperatura”. Esistono fantasie fredde e fantasie calde: dovremmo quindi sceglierle a seconda della nostra stagione perché siano donanti. Allo stesso modo, non tutte le fantasie sono adatte a tutte le silhouette. Questo perché le macro fantasie o le righe orizzontali tendono ad allargare, mentre le micro fantasie e le righe verticali hanno il potere di slanciare e snellire la figura. Attenzione quindi a come le usiamo e soprattutto a dove le usiamo.

LA REGOLA DELLA MINORANZA

Quando decidiamo di abbinare un tessuto fantasia (qualsiasi esso sia, ad esempio un motivo paisley o una fantasia floreale) ad un tessuto tinta unita, è importante che quest’ultimo sia del colore meno presente nella fantasia stessa. Contrariamente, l’effetto sarebbe troppo pesante e risulterebbe più che altro un ton sur ton mal riuscito. Ovviamente vale anche per gli accessori. Mi rendo conto che questa regola è più difficile da descrivere che da mettere in pratica, quindi vi invito a guardare la foto: sarà sicuramente più chiaro.

LA REGOLA DEL MIX & MATCH (PER “ABBINATORI” DI LIVELLO PRO)

Spesso sugli editoriali di moda si vedono styling bellissimi, con fantasie diversissime fra loro ma perfettamente miscelate. E’ la magica arte del “Mix & Match”, assai pericolosa se usata male, super wow se si conosce il suo segreto: le fantasie possono essere le più disparate, ma devono avere tutte un colore che faccia da legante, solo così lo styling funzionerà. Il m&m più semplice è sicuramente quello in bianco e nero, ma vi assicuro che una volta capito il trucco potrete farlo ad occhi chiusi. Di seguito, vi mostro due dei miei mix & match di cui vado più fiera.

Ora passiamo a qualche consiglio sulle fantasie più comuni, quelle che ognuna di noi dovrebbe avere nel proprio armadio.

LA RIGA BRETONE

Qualsiasi sia la sua variante (l’originale marinière bianco/blu, o le più moderne bianco/rossa o bianca/nera), con il bianco non sbagliate di sicuro e siete pronte per un weekend al mare. A seconda del colore che si abbina al bianco potete poi spaziare con la tinta in questione. Per chi volesse osare e dare un po’ di grinta a questa fantasia altrimenti così bon ton, consiglio il mix & match: con il quadretto Vichy è elegantissima ma per nulla scontata.

IL POIS

Qui le varianti sono molteplici: dalla regola della minoranza, all’abbinamento con altre fantasie (vogliamo parlare di pois e geometrie ultra spigolose?), al mix fra pois di diverse dimensioni, come in questa foto https://www.instagram.com/p/CA5jF18DcN5/ .

IL TARTAN (O SCOZZESE)

L’abbinamento migliore, per quel che mi riguarda, in questo caso è quello con il demin o con un capo che richiami uno dei colori della fantasia scelta (esistono infatti diversi tipi di tartan a seconda del colore dominante: ). Le più audaci mixano più fantasie scozzesi assieme: io lo trovo davvero too much anche quando ben fatto, piuttosto preferisco richiamare la fantasia negli accessori. Il total look mi spaventa un po’.

L’ ANIMALIER

Per quanto riguarda leopardato and Co., mi sono prodigata tempo fa in un articolo con abbinamenti ed esempi piuttosto dettagliati (e che ha riscosso furore): ecco il link http://elisagili.com/2020/04/animalier-e-jungle-un-tocco-esotico-nel-guardaroba/ . Qui invece il post su Instagram con i miei look animalier https://www.instagram.com/p/B_U0CzSDwau/.

Spero, come sempre, che la mia piccola guida vi sia utile. E come sempre, vi aspetto nei contatti per avere il vostro parere!

Elisa Gili