13
Mar

Tipologie di body shape

Noi donne abbiamo un pessimo difetto: davanti ad uno specchio, non riusciamo ad essere oggettive con noi stesse, vedendoci sempre peggiori di come siamo in realtà. Questa visione distorta di noi stesse, fa sì che ci sia difficile riconoscere la nostra fisicità e, di conseguenza, capire quali siano gli abiti ed i tessuti più adatti a valorizzarci.

Le principali silhouette femminili che riconosciamo sono quella a sirena, quella a goccia, quella a baguette, quella a triangolo e quella a diamante. Ecco qui di seguito una breve descrizione di ognuna per aiutarvi a distinguerle.

La silhouette a sirena è caratterizzata dalla proporzione tra spalle e fianchi, che si presentano della stessa larghezza, e da un punto vita stretto e accentuato. Il seno è abbondante e ben proporzionato alla grandezza del tronco. Per le sue misure praticamente perfette (mai sentito parlare di 90/60/90?) è considerata la silhouette più femminile e sensuale in assoluto.

Il secondo modello di fisicità che riconosciamo è quello a goccia. Le donne goccia hanno un’evidente sproporzione tra spalle e fianchi. Il tronco è minuto, con seno piccolo e punto vita stretto, mentre fianchi e gambe sono torniti e generosi. E’ considerata una fisicità “classica”, ideale di bellezza per eccellenza per molti artisti (basti pensare alla Venere del Botticelli), nonché la figura che incarna maggiormente l’ideale di maternità.

La donna a baguette caratterizza, al contrario di quelle viste finora, un ideale di bellezza androgina, priva di forme femminili. Spalle e fianchi hanno la stessa larghezza, il punto vita è poco accentuato, il seno piccolo (o addirittura assente) e le gambe sono magre e longilinee. Fisicità simile è quella della donna triangolo, la cui caratteristica principale è quella di avere spalle molto larghe e sproporzionate rispetto alla larghezza dei fianchi.

L’ultima silhouette da prendere in considerazione è quella a diamante. Le donne con questa fisicità hanno spalle e fianchi stretti, il punto vita è praticamente assente e si presenta spesso molto largo e alto, quasi sotto il seno. Quest’ultimo è molto abbondante, otticamente risulta in netta contrapposizione con le gambe, che invece sono troppo magre rispetto al tronco. In questa categoria, a partire dalla taglia 50, rientrano le donne curvy.

Non vi resta, ora, che mettervi davanti allo specchio e capire quale sia la vostra fisicità. Il prossimo step sarà quello di trovare gli abiti ed i tessuti giusti per valorizzarvi!

Foto: web

Elisa Gili